Excite

Affittare casa per brevi periodi: la normativa con durata e costi

Indagini recenti hanno dimostrato come sempre più persone o nuclei familiari abbiano bisogno di affittare immobili per periodi molto inferiori al classico formato di quattro anni più ulteriori quattro di rinnovo automatico. Escludendo, almeno inizialmente, dal ragionamento le case vacanza ci si deve indirizzare sulle normative che regolano i contratti transitori. Queste tipologie di contratti coprono un arco temporale che va dal mese all’anno e mezzo di durata.

    Getty Images

Richiesta contratto transitorio

Per poter stipulare un contratto del genere è necessario motivare l’azione con una precisa e documentata esigenza da parte del locatore o del conduttore. Nel primo caso possono essere ragioni sufficienti la necessità di occupare l’abitazione in un futuro prossimo oppure di destinarla ad un parente prossimo come può essere un figlio.

Leggi le news sulle case in affitto

Per quanto riguarda il conduttore la ragione più comune è quella lavorativa. E’ possibile accedere ad un contratto transitorio anche se si è già proprietari di una casa e si sta attendendo che la stessa sia abitabile. Si può affittare casa per un mese o due in attesa dei lavori di ristrutturazione.

Costi e modalità

Un particolare fondamentale dei contratti transitori è che non è possibile in alcun caso ottenere un rinnovo dello stesso. Si perderebbe, infatti, in questo caso il requisito di transitorietà alla base del contratto stesso. I contratti transitori rientrano nei contratti tipo e quindi il canone di locazione può essere concordato tra le parti. Caso particolare è quello dei comuni considerati ad alta densità abitativa. In questo caso il canone di locazione può essere al massimo un venti per cento più caro rispetto al corrispondente contratto proposto per le locazioni agli studenti fuori sede.

Leggi le news sulle case vacanza

L’ultimo particolare che differenza i contratti transitori rispetto agli altri contratti tipo è quello delle agevolazioni fiscali. In questo caso non si possono ottenere detrazioni fiscali, ma solo una deduzione Irpef del cinque per cento.

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017