Excite

Affitti case: le varie tipologie di contratto

La legge italiana prevede che per gli affitti di case possano essere proposti due tipi di contratto di locazione: il 4+4 e il 3+2.

Il contratto di locazione 4+4 è stipulato a discrezione tra proprietario di casa e affittuario e prevede un canone libero e una durata non inferiore a 4 anni scaduti i quali si rinnova automaticamente per altri quattro a meno che il proprietario o l'inquilino non comunichino la propria volontà di non rinnovarlo; il rinnovo o la disdetta vanno comunicati a mezzo raccomandata almeno sei mesi prima della scadenza formale del contratto e, se non si procede in questo modo, il contratto si rinnova tacitamente alle vecchie condizioni.

Il contratto definito 3+2 è basato sulle indicazioni delle associazioni degli inquilini e dei proprietari di casa e non può avere durata inferiore ai tre anni scaduti i quali, salvo diversa comunicazione, si rinnova per altri due anni; anche in questo caso se non si vuole rinnovare il contratto è necessaria una comunicazione formale almeno 6 mesi prima della scadenza dello stesso.

I contratti legati agli affitti di case devono per legge essere registrati all'Ufficio del Registro in quanto permettono di accedere a tutta una serie di incentivi fiscali; ricordiamo che sia inquilino che proprietario sono responsabili del pagamento dell'imposta di registrazione per cui si configura il reato di evasione nel caso le due parti non provvedano al pagamento della stessa.

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017