Excite

Affitti temporanei a Bologna

Oltre ai contratti di affitto classici, detti anche "a canone libero", della durata minima di 4 anni più 4 di rinnovo obbligatorio (salvo determinati casi) sono possibili contratti di tipo transitorio, detti anche affitti temporanei. A Bologna, città universitaria e centro notevole di affari commerciali, questi tipi di contratti sono piuttosto comuni. La normativa che regola questi tipi di rapporti di locazione è contenuta nella legge n. 431 del 1998.

A chi serve e quanto costano

I tipici casi per i quali è possibile stipulare contratti per affitti temporanei, a Bologna come nelle altre zone del paese, sono essenzialmente tre:

  1. Per ragioni di lavoro: in occasioni fieristiche o per spostamenti lavorativi temporanei può essere necessario avere un alloggio in una città diversa dalla propria per un periodo limitato di tempo.
  2. Per ragioni di studio: nelle città universitarie sono molti gli studenti che, non abitando nella città stessa, cercano un'abitazione per alloggiarvi, da soli o con altri studenti, per il periodo di frequenza universitaria.
  3. Per ragioni di salute, ad esempio, nel caso in oggetto, se si devono fare cure in un particolare ospedale di Bologna.

In questi casi, normalmente, per l'affittuario è comodo e/o necessario che l'alloggio sia già arredato. A Bologna esistono alloggi per affitti temporanei gestiti direttamente dal proprietario o da società appositamente create per la gestione di un certo numero di appartamenti e miniappartamenti da affittare per un periodo di tempo limitato. Esempi di società che si occupano di contratti d'affitto transitorio a Bologna sono "Casa Temporanea" e "Halldis". Spesso queste gestioni prevedono anche servizi di cambio biancheria e pulizia.

I contratti di affitto possono avere una durata che va da pochi giorni in su, tipicamente fino a un anno.

L'entità del canone d'affitto dipende da vari fattori quali:

  • Le dimensioni dell'alloggio
  • L’ubicazione, più o meno centrale o vicino alle zone topiche quali poli fieristici, università o ospedali
  • Dotazioni particolari (aria condizionata, lavatrice, internet Wi-Fi ecc)
  • Qualità dell'immobile e dell'arredamento.

Tenuto conto di questo, il canone di affitto per alloggi temporanei a Bologna, può andare da un minimo di circa 50 euro al giorno per monolocali con 1-2 posti letto a 100 euro al giorno in caso di bilocali per 2/4 persone.

Su base mensile i contratti di affitto temporaneo prevedono tariffe attorno ad un minimo di 400 euro per monolocali fino a oltre 1500 euro mensili per sistemazioni in grado di ospitare 4 persone.

Il rinnovo

Il proprietario dell'immobile adibito ad affitti temporanei a Bologna, deve provvedere al rinnovo del contratto prima della scadenza. Questo, chiaramente, se permangono le ragioni per farlo. In assenza di comunicazioni, il proprietario è tenuto a trasformare il contratto stesso da temporaneo a "canone libero", con durata 4 + 4 anni, pena risarcimento all'inquilino di 3 anni di canone d'affitto.

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016