Excite

Blocco degli sfratti 2014, proroga: appello per l'emergenza abitativa a Roma, Milano e Napoli

  • Twitter @IlQuintoStato

Sale l’allarme sociale, non privo di possibili conseguenze tutt’altro che leggere dal punto di vista dell’ordine pubblico, per la mancata proroga del blocco degli sfratti da parte del governo, fino ad oggi intenzionato a respingere la richiesta dei principali Comuni di evitare la deflagrazione dell’emergenza abitativa nelle città metropolitane.

Casa in affitto, diritto al bonus: le novità su agevolazioni per inquilini e proprietari

Sono quasi 50mila i nuclei familiari interessati ad un provvedimento richiesto in queste ore con forza dagli assessorati competenti delle giunte di Milano, Roma e Napoli ma non concesso dall’esecutivo in carica, con motivazioni legate alla presunta “inutilità di uno strumento logoro e inadeguato” secondo il ministro delle Infrastrutture Maurizio Lupi.

Duri sarebbero i contraccolpi sulla condizione di migliaia di famiglie nel caso in cui la richiesta proroga del blocco venga definitivamente bocciata da Renzi e colleghi, anche se ad avviso del sottosegretario Delrio esisterebbero già valide alternative in grado di sostenere i cittadini disagiati, a partire dal diritto all’accesso al fondo per gli affitti e la morosità previsto dalle recenti norme di emanazione governativa.

Il “grido di dolore” delle metropoli come Roma, Milano e Napoli, tanto per citare i casi più eclatanti di sfratti esecutivi per l’anno 2014, non sembra volersi placare neanche di fronte alle parziali rassicurazioni di ministri e componenti dell’esecutivo, trovando anzi crescente sponda negli appelli delle amministrazioni locali.

(Emergenza casa, migliaia di famiglie a rischio sfratto nel caso di mancata proroga)

In una nota comune diffusa alla stampa nella giornata di ieri, gli assessori alle politiche abitative Fucito, Danese e Benelli si sono rivolti a Palazzo Chigi per chiedere un immediato dietrofront rispetto alla linea inflessibile finora tenuta sul delicato tema della proroga, sollecitando al contempo una “consulta dell’Anci per far fronte ad un’emergenza dalle conseguenze incalcolabili.

A detta dei rappresentati dei Comuni promotori del comunicato, quasi una famiglia su 4 tra quelle in affitto (compresa una larga percentuale di aventi diritto alla proroga per reddito o presenza di anziani, minori e soggetti con handicap) rischierebbe in tempi brevi di finire in strada.

Ad oggi peraltro si calcola una media di circa 140 sfratti eseguiti con l’ausilio della forza pubblica ogni giorno e ventimila sentenze per fine locazione in attesa di applicazione solo nelle tre grandi città.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017