Excite

Case vacanza: stipulare un contratto è meglio

Anche se sono in pochi a saperlo, la legge italiana definisce norme chiare e specifiche per quel che riguarda l'affitto di case vacanza ai quali sia i locatari che i locatori devono attenersi pena multe salate e/o il ricorso alla giustizia.

L'affitto di case vacanza è infatti subordinato alla stipula di un vero e proprio contratto che può essere in formula week-end, per brevi vacanze o a lunga scadenza: le tre tipologie differiscono in quanto a durata della locazione concessa e devono necessariamente contenere clausole dettagliate sulle modalità di pagamento dell'affitto.

Se si tratta di un appartamento ammobiliato vanno anche inseriti gli oggetti e i mobili presenti in casa e va specificato l'ammontare delle spese extra e delle utenze che l'affittuario dovrà pagare dopo aver preso in affitto la casa per le vacanze.

Solitamente con case vacanze si intendono case e appartamenti affittati per periodi non superiori a tre mesi e per le quali i proprietari devono garantire: pulizia totale ad ogni cambio di cliente, fornitura di biancheria pulita ad ogni cambio cliente con eventuale cambio di stoviglie e corredi della cucina, fornitura di energia elettrica, acqua calda e fredda, gas, riscaldamento e manutenzione delle unità abitative, riparazione e sostituzione di arredi, corredi e dotazioni deteriorate.

Va da sè che stipulare un contratto con onori e oneri ben definiti è la strada migliore per evitare problemi e per stare tranquilli che l'affitto di una casa per le vacanze non si trasformi in un incubo.

(foto ©casa.it)

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017