Excite

Certificazione energetica obbligatoria per le nuove compravendite

Dal 28 marzo 2011 è obbligatorio inserire in ogni contratto di compravendita o di locazione il certificato energetico. Il certificato energetico, noto anche con l'acronimo ACE (attestato di certificazione energetica), è un documento previsto dalla direttiva europea 2002/91/CE in cui sono indicati tutti i dati dell'immobile e l'esito della certificazione energetica stabilito da un certificatore abilitato.

Ha una durata relativa di 10 anni, a meno che in questo lasso di tempo non si provveda a delle riparazioni o a delle modifiche dell'immobile che comportano la revisione del certificato. Lo scopo di tale certificazione è di attestare il rendimento energetico di ogni abitazione al fine di sensibilizzare gli utenti a un minor spreco di energia. L'obbligo di inserimento del certificato energetico in caso di rogito immobiliare apporta un valore aggiunto in caso d'acquisto, a dimostrazione della reale qualità dell'edificio e della sua classificazione energetica.

La certificazione energetica è una procedura standardizzata che classifica l'edificio in esame attraveso una scala graduata in base alle sue caratteristiche energetiche. Le classi energetiche partono dalla categoria A+ (immobili a basso impatto ambientale, costruiti con i massimi accorgimenti tecnologici, ma che ancora rappresentano una bassa percentuale degli edifici nel nostro territorio nazionale) alla categoria G (immobili ad alto consumo energetico che rappresentano la percentuale maggiore del territorio).

L'obbligo della certificazione energetica comporta una serie di difficoltà. Se finora infatti la certificazione è stata derogabile e ha interessato solo poche Regioni, dal 28 marzo è diventata obbligatoria per tutti gli immobili sul territorio nazionale, tranne in alcune rare eccezioni. Per cui eventuali compravendite sprovviste di tale certificazione sono letteralmente impossibili, anche perchè al momento del rogito l'acquirente è tenuto a "dare atto di aver ricevuto le informazioni e la documentazione in ordine alla certificazione energetica degli edifici". Inoltre dal 1° gennaio 2012, tutti gli annunci immobiliari devono riportare l'indice di prestazione energetica.

Pertanto appare visibile che a farne maggiormente le spese saranno gli edifici più datati ( gli edifici di nuova costruzione ne sono provvisti per legge) che, in mancanza di ACE, sono da ritenersi invendibili. Per maggiori approfondimenti può essere utile consultare il sito Certificazioneenergetica.com.

photo © casatoday.it

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017