Excite

Il compromesso: come procedere

  • Foto:
  • investimenti-immobiliari.biz

Il compromesso è un accordo formale, detto più comunemente "promessa di vendita", che precede la stipula del contratto di compravendita definitivo di un immobile.

Come si stipula un compromesso

Quando si decide l'acquisto di un immobile è buona norma stipulare un compromesso attraverso il quale le due parti si impegnano a rispettare i termini stabiliti dall'accordo di vendita fino al momento del rogito, cioè del contratto di vendita vero e proprio. Il compromesso non è obbligatorio ma è una pratica consigliabile poichè tutela acquirente e venditore da eventuali disguidi o ripensamenti fino al momento dell'atto conclusivo. Il testo del contratto di compromesso dovrebbe sempre contenere i seguenti dati:

  • prezzo dell'immobile;
  • modalità di pagamento;
  • i tempi stabiliti per la vendita definitiva e la data esatta del rogito;
  • la descrizione completa dell'immobile: numero di stanze, condizioni, pertinenze, confini con altre abitazioni;
  • indicazione di eventuali ipoteche o altri vincoli;
  • indicazione dello stato dell'immobile (situazione catastale, etc.);
  • importo della caparra.

L'importanza della caparra

La caparra è un acconto sul prezzo di vendita da versare al venditore al momento del compromesso (caparra confirmatoria). L'importo è libero, ma si orienta in genere tra il 10 e il 25% del prezzo totale. Tale cifra rappresenta una sorta di garanzia per le due parti poichè, in caso di ripensamento, tutela entrambi. Se infatti l'acquirente decide di non acquistare più l'immobile, perde automaticamente la caparra versata. Al contrario, se è il venditore a non voler più vendere o decide di vendere a qualcun'altro, dovrà restituire all'acquirente il doppio della caparra versata. Per evitare una simile eventualità, si può includere una clausola penitenziale con cui, in caso di inadempienza di una delle due parti, si è tenuti a pagare solo una cifra pattuita.

Affinchè il compromesso abbia una validità giuridica e tuteli l'acquirente da atteggiamenti scorretti da parte del venditore, va stipulato alla presenza di un notaio e registrato all'Agenzia delle Entrate come un contratto a tutti gli effetti. Nell'eventualità che entrambe le parti rinuncino alla compravendita in seguito al compromesso, si può procedere alla stipula di un atto scritto in cui si dichiara lo scioglimento dell'accordo per mutuo consenso.

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017