Excite

Immobili commerciali: aggiudicarsi la licenza

Quanto costa rilevare un esercizio commercialelicenza è fornito dal listino delle aziende commerciali curato dalla Fimaa Confcommercio, strumento che monitora 35 province italiane in riferimento a quasi altrettante tipologie di esercizio.

Se una valutazione molto importante riguarda certamente l'incidenza dei costi di locazione dell'esercizio commerciale, specie in rapporto alle previsioni di incasso, l'mporto richiesto per rilevare l'attività tradisce un gap considerevole tra centro e periferia: prendendo a riferimento un bar che incassa mediamente 2mila euro al giorno per sei giorni a settimana, a Milano è infatti necessario disporre di una cifra compresa tra gli 800 mila e il milione di euro mentre la spesa si riduce ad un terzo nel caso l'ambito locale incassi la metà e sia localizzato in periferia. Trasponendo lo stesso esempio nella Capitale la prima voce di costo si ridimensiona intorno ai 600-700 mila euro mentre per aggiudicarsi il secondo tipo di licenza si stima possano bastare all'incirca 150-180 mila euro.

Il prezzo richiesto, tranne casi a parte come ad esempio le tabaccherie, rappresenta generalmente un moltiplicatore dell'incasso lordo annuale. Tra i fattori che concorrono a determinarlo c'è ad esempio la dotazione in termini di arredi e attrezzature, per cui si calcola mediamente un periodo di obsolescenza di circa otto anni e in grado di incidere tra il 10 e il 15% sul valore finale. Altri fattori particolarmente cruciali sono poi il calcolo delle rimanenze e l'avviamento commerciale, ampiamente condizionato anche dal grado di fidelizzazione della clientela.

(foto © Marni)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017