Excite

Mercato immobiliare in Emilia dopo terremoto: si riparte con gli affitti

Numerose sono le scritte "vendesi" nei territori dell'Emilia Romagna colpiti dal terremoto, ma complice una situazione economica generale non certo florida e l'incertezza per il proprio futuro da parte di chi la casa l'ha persa nella tragedia, i contratti di vendita non vanno in porto e c'è poca voglia di investire denaro per acquistare una casa.

Sono invece gli affitti a decollare e la richiesta nella bassa modenese riguarda sia case già ammobiliate che non. In vista dell'autunno e del rigido inverno, infatti, le famiglie che hanno perso la propria casa per via del terremoto in Emilia trovano nell'affitto una soluzione immediata ai propri problemi in previsione, poi, di prendere una decisione definitiva se e quando avverrà la ricostruzione.

Notizia positiva è che al momento non si registra alcun tipo di speculazione per i canoni di affitto che si mantengono sulle cifre di prima del terremoto e questo denota un atteggiamento onesto e positivo da parte dei proprietari degli immobili che intendono metterli a disposizione della ripresa economica e civile della regione. Un fattore che, senza dubbio, incentiva anche le richieste di affitto rispetto a quelle di acquisto.

Oltre all'affitto, le agenzia immobiliari della zona riscontrano molto richieste per terreni edificabili in cui molte famiglie intendono installare moduli prefabbricati antisismici. Un terreno questo che diventa anche motivo di business per imprenditori di altre regione che stanno acquistando aree edificabili per corredarle di moduli prefabbricati da vendere o fittare agli abitanti della zona.

Infine, anche le aree commerciali ed artigianali stanno vivendo un momento di crescita e ripresa, soprattutto in zone come Medolla in cui la vicinanza della tangenziale rappresenta un plus per la movimentazione di merci e persone.

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2016