Excite

Mercato immobiliare italiano: previsioni per il 2015

  • Getty Images

Il mercato immobiliare, così come è accaduto anche negli Stati Uniti, è stato la prima vittima della crisi che da qualche anno ha coinvolto l’economia europea e quella italiana in particolare. A fine 2014 la domanda che mobilità tutti gli operatori del settore è quella riguardante le previsioni per il 2015. Ci sarà la tanto attesa rinascita del settore oppure ci si dovrà abituare al continuo ribasso dei prezzi e dei dati di vendita? E se sì per quanto tempo durerà ancora questa fase?

Per analizzare il mercato immobiliare c’è bisogno di tenere d’occhio la domanda e l’offerta. La prima poggia su tre parametri fondamentali: accesso al credito, economia nazionale e potere d’acquisto della moneta. La seconda, invece, è determinata soprattutto dal numero di immobili messi in vendita. L’equilibrio tra domanda ed offerta ci può dare una fotografia abbastanza realistica della situazione italiana.

Leggi le news sulle case in vendita

L’accesso al credito, nonostante il sostegno della BCE alle banche nazionali e i proclami di queste ultime, è sempre più difficile. E’ probabilmente questa la leva che frena la domanda più delle altre. Il ceto medio ed anche la borghesia non hanno più la possibilità di programmare investimenti a breve e lungo termine e di conseguenza il mercato ristagna.

L’andamento dell’economia nazionale, anche qui al netto dei proclami politici, è un disastro. Le famiglie del ceto medio, vessate da continue tasse, non hanno più la possibilità di programmare investimenti a 4-5 anni figuriamoci a 25-30 anni come richiede un mutuo. Non c’è la sicurezza del posto di lavoro e non ci sono gli stipendi, i più bassi d’Europa, per sostenere l’importo della rata di un mutuo. Il potere d’acquisto della moneta è, in questo caso, l’ultima ruota del carro e segue a ruota l’andamento dell’economia. Basso, bassissimo.

Leggi le news sul mercato immobiliare

Dal canto suo l’offerta è strabordante. Ci sono case in vendita, di nuova costruzione o di privati, che non mancano a nessuna latitudine. L’aumento dell’offerta e le difficoltà della domanda comportano la diminuzione del prezzo medio per metro quadro. Previsioni per il 2015? Non c’è ragione di immaginare una ripresa del settore, si spera per il 2016, ma al momento è più un atto di fede che una previsione fondata su dati solidi.

Guarda il video con le previsioni delle banche

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017