Excite

Modello Buffetti per contratto di locazione ad uso abitativo: ecco come funziona

Dal punto di vista finanziario, il possesso di una casa sfitta comporta spese che è bene recuperare. Dato il periodo di crisi immobiliare, la valutazione delle case è ai minimi storici, per cui questo non è un periodo molto favorevole alla loro vendita. La soluzione più semplice rimane l’affitto della stessa. Per affittare correttamente una casa è necessario stipulare un contratto nel quale siano rispettate tutte le norme di legge vigenti e che consenta di garantire sotto vari aspetti sia l’affittuario che il locatore. Per tutto questo è certamente utile avere una traccia, come ad esempio il modello Buffetti per contratto di locazione ad uso abitativo.

La proposta Buffetti

Quando si parla di prodotti per l’ufficio, di cancelleria, di cartoleria mirata al mercato di professionisti e commercianti nonché di modulistica per svariate categorie di utilizzo non si può non pensare a Buffetti.

Buffetti è un’azienda con una distribuzione capillare sul territorio italiano di comprovata capacità e serietà che offre il prodotto giusto per molte esigenze. Anche nel caso dell’affitto di un’abitazione, questa azienda propone i moduli più adatti. Il modello Buffetti per contratto di locazione ad uso abitativo è reperibile presso i centri Buffetti e le cartolerie associate a meno di 3 euro la copia, con costi che si riducono se l’acquisto è per più di 5 o più di 25 copie.

Questo modello si compone di 2 parti.

Nella prima vanno riportati, come chiaramente indicato, il tipo di immobile, la locazione, i dati del conduttore (o inquilino), i dati catastali, i depositi cauzionali eccetera. Tutto questo sotto forma di tabelle, da compilare.

Nella seconda parte invece sono descritte le clausole e le condizioni di affitto, come le tempistiche, le modalità della disdetta, le condizioni in cui l’immobile deve essere lasciato senza incorrere in rimborsi che l’inquilino deve corrispondere in caso di danni all’abitazione e che possono essere prelevati dalla caparra alla fine del contratto.

Queste parti dovranno essere accettate e controfirmate da sia dall’inquilino che dal proprietario (o locatore).

Le clausole indicate sono quelle “standard”, e, per esigenze specifiche è possibile integrarle con altre, stando attenti che però non tutte le regole possono essere applicate. Occorre notare che e se si inseriscono clausole non conformi alle leggi, il contratto stesso può essere invalidato.

Il contratto di locazione ad uso abitativo dovrà essere compilato e firmato in triplice copia, una delle quali andrà al proprietario assieme ad una copia con il timbro dell’avvenuta registrazione del contratto presso l’Agenzia delle Entrate. L’ultima copia, anch’essa con il timbro della registrazione, sarà trattenuta dall’inquilino.

I vari tipi di contratti

Il modello Buffetti per contratto di locazione ad uso abitativo non è di un solo tipo. Esistono, infatti, modelli specifici per diversi ambiti quali:

  • La locazione abitativa a canone libero
  • La locazione abitativa agevolata o a canone concordato
  • La locazione abitativa specifica per studenti universitari

Dal 3 febbraio 2014 per la registrazione dei contratti di locazione è in vigore il nuovo modello RLI, obbligatorio dal 31 marzo 2014.

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017