Excite

UK: tasso fisso a +45%

In Gran Bretagna, dove il mercato dei mutui viaggia a pieno ritmo dopo la frenata prodotta dalla crisi, che ha portato con sè la flessione le quotazioni specie nelle periferie dei grandi centri urbani, guadagna sempre più posizioni il tasso fisso. Lo ha rivelato il National Mortgage Index che ha analizzato l'andamento della prima parte del 2011.

Incertezza economica, tendenza al sovraindebitamento, rischio disoccupazione, instabilità dei mercati: sono tutti fattori che a quanto pare sembrerebbero remare con decisione a favore della rata stabile, tanto che, secondo i dati diffusi, l'aumento delle richieste di finanziamenti a tasso fisso da parte dei sudditi di Sua Maestà avrebbe segnato quota 45%.

Oltreoceano si ridefinisce nel frattempo lo scenario delle famiglie nei guai con il pagamento degli arretrati del mutuo. Nel quarto trimestre dell'anno appena trascorso, infatti, per effetto della ripresa economica il livello delle famiglie americane in ritardo con le rate avrebbe toccato il livello più basso degli ultimi due anni, stando ai dati diffusi a dicembre dalla Mortgage Bankers Association. Resta comunque calda la situazione dei cosiddetti prestiti in foreclosure, in ritardo col saldo tanto da sollevare il rischio concreto della confisca dell'immobile.

Secondo la panoramica delineata a fine anno dall'associazione operante nel mercato a stelle e strisce, il 12,9% dei mutui risulterebbe infatti in arretrato di 30 giorni oppure già in foreclosure. Se il volume dei prestiti che scontano un ritardo di almeno una rata sono scesi al livello più basso dal 2008 (segnando quota 8,2%), infatti, i contratti bollenti per cui si profila l'eventualità della confisca sarebbero invece al massimo storico (4,6%).

(foto © Umm)

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017