Excite

Regolamenti edilizi sempre più green dai Comuni

Sono sempre di più i Comuni a introdurre nei propri regolamenti edilizi incentivi verdi per orientare lo sviluppo dell’ambiente urbano nel senso della sostenibilità. Isolamento degli infissi, recupero delle acque piovane, inquinamento acustico, produzione di energia da fonti rinnovabili: si moltiplicano i fronti su cui le prescrizioni comunali cercano di perfezionare gli standard nazionali in vista anche degli obiettivi europei che entro il 2021 dovrebbero vedere la totalità degli edifici vicina all’azzeramento dei consumi energetici.

Proprio i Comuni sarebbero tra i principali fautori di questo progressivo cambiamento. Come evidenziato dal Cresme, il Centro Ricerche Economiche Sociali di Mercato per l'Edilizia e il Territorio, ben 705 amministrazioni avrebbero già introdotto un regolamento verde, tanto da coprire una fascia di popolazione pari ai 19 milioni di abitanti. Ben un terzo delle case costruite tra il 2008 e il 2010 (intorno circa 830.000 unità) sarebbe stato progettato con criteri di riduzione dell’impatto ambientale.

L’obiettivo di lungo periodo è la completa autosufficienza energetica, una sfida ambiziosa per il settore delle costruzioni. Se assolutamente centrale è il tema dell’isolamento termico, con l’efficientamento dei serramenti o ancora la progettazione di tetti verdi, i nuovi regolamenti lavorano anche sull’orientamento e la schermatura degli edifici, il ciclo di vita dei materiali edilizi, il ricorso a reti di teleriscaldamento, impianti di cogenerazione o pompe di calore, recupero delle acque e permeabilità dei suoli per ridurre l’uso degli impianti di climatizzazione estiva.

Tra i fronti d’intervento più sentiti in tema di bioedilizia, nonché tra quelli con le ricadute più evidenti sul comfort abitativo delle nostre case, anche quello dell’isolamento acustico, disciplinato dai comuni con limiti precisi alle emissioni o con incentivi in caso di elevati risultati in termini di isolamento degli edifici.

(foto © Archicentral)

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017