Excite

Quando e se pagare le spese riscaldamento centralizzato di un appartamento vuoto

Il proprietario di un appartamento sfitto è tenuto a pagare le spese condominiali in ugual misura agli altri condomini che vi vivono stabilmente? Questo è uno degli interrogativi che spesso mettono in difficoltà la regolare ripartizione delle spese di un condominio, soprattutto se si tratta delle spese di riscaldamento centralizzato di un appartamento vuoto. Quali norme regolamentano la ripartizione delle spese e quali sono gli obblighi dei condomini non residenti?

Riscaldamento centralizzato e spese condominiali

Il proprietario di un appartamento vuoto sito in un condominio con più appartamenti, nella maggior parte dei casi, non usufruendo dell'immobile, è portato a pensare di essere esonerato dalle spese di manutenzione e riscaldamento previste dal regolamento condominiale. Anzi, nel peggiore dei casi, sono gli altri condomini residenti a doversi accollare le spese dei non residenti, con un eccesso di spesa che contribuisce a far lievitare le quote di ripartizione.

Le leggi che regolamentano l'amministrazione di un condominio sono chiare in merito e obbligano anche i condomini non residenti a pagare le spese condominiali secondo quanto previsto dal regolamento. Tali norme includono anche le spese di riscaldamento centralizzato di un appartamento vuoto, sia esso una casa vacanza utilizzata stagionalmente o privo di inquilini. Pertanto il proprietario è tenuto a pagare la sua quota delle spese del riscaldamento centralizzato, a prescindere che ne usufruisca o meno.

Tuttavia il proprietario, in sede di assemblea di condominio, può chiedere una revisione delle ripartizioni di spesa, che può essere ammessa però solo con il consenso unanime di tutta l'assemblea. In alternativa, possono essere ridotte le altre spese di manutenzione (pulizia delle scale, portierato, etc.) per supplire alle spese di riscaldamento che, essendo centralizzato, rappresenta una priorità inderogabile.

In conclusione

Le spese del riscaldamento centralizzato di un appartamento vuoto quindi vanno sempre pagate dal proprietario. Non sussiste infatti nessuna norma prevista dal codice civile che ne esoneri il pagamento, nemmeno se l'impianto interno è stato piombato, poichè di fatto l'immobile usufruisce del riscaldamento dei locali adiacenti (anche se in minima parte).

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017