Excite

Vendita case Torino: livellamento dei prezzi nell'ultimo anno

La difficile congiuntura economica nell’anno appena trascorso non ha provocato particolari crepe nel mattone torinese, che si conferma forse meno effervescente di altri, ma stabile con quotazioni in crescita a ritmo più sostenuto tasso d’inflazione (0,8%, fonte istat) con un incremento dell’1,3% nell’arco del 2009. è quanto emerge dall’analisi sui prezzi realizzata dall’ufficio studi di idealista.it su un campione di 518 immobili del portale.

Quello appena trascorso è stato un anno all'insegna del livellamento dei prezzi delle abitazioni per via di un’offerta qualificata e sempre meglio distribuita a livello cittadino.

Aurora–Rebaudengo (+5,6%; 1.778 euro/m²) ha registrato il balzo maggiore su base annua. Nell’area, interessata da progetti di riqualificazione urbanistica, gli immobili hanno guadagnato mediamente 94 euro/m² in un anno. Ciononostante i quartieri della periferia nord-orientale della città restano i più economici.

Progressi per Borgo Vittoria–Vallette (+1,5%; 1.943 euro/m²) e santa Rita–Lingotto–Mirafiori (+1,3%; 2.200 euro/m²) che comunque tornano in terreno positivo dopo un 2008 caratterizzato da prezzi in discesa.

Il calo delle quotazioni ha interessato le zone dove i prezzi si collocano al di sopra della media cittadina (2.290 euro/m²): in caduta le quotazioni del centro (-4,8%; 2.905 euro/m²), con la peggiore performance proprio nell’ultimo trimestre dell’anno (-2,3%) e di San Paolo-San Donato (-1,7%; 2.325 euro/m²).

I valori più alti sotto la mole restano quelli della zona ad est della città (Vanchiglia-Borgo Po-Moncalieri), con punte da oltre 6mila euro/m² per appartamenti in stabili d’epoca o ville nella zona collinare.

casa.excite.it fa parte del Canale Blogo Donna - Excite Network Copyright ©1995 - 2017